Beirut Pride: l’unica manifestazione gay nel mondo arabo

Outlet: Arab Press / Editor: Emanuela Barbieri / Language: Italian / Date of publication: 2 June 2018 / Estimated reading time: 6 minutes 30 seconds.


Dal dare rifugio alle sessioni di trucco: Helem è un luogo di accoglienza per molti emarginati in Libano.

Nascosto in un tranquillo quartiere di Beirut, Helem, il primo centro comunitario per le persone LGBTQI + nel mondo arabo, apre le sue porte ogni giorno da mezzogiorno a sera. Tutti sono benvenuti.

Rispetto ad altri paesi del Medio Oriente, il Libano ha una comunità LGBT relativamente prospera. Non è raro che nei locali pubblici passino allo stereo i brani del gruppo indie rock Mashrou’ Leila, il cui frontman è musulmano e apertamente gay.

a la vita non è priva di rischi. Mercoledì scorso Hadi Damien, l’organizzatore di Beirut Pride, l’unico evento del suo genere nel mondo arabo, ha annunciato che il festival è stato sospeso dopo che le autorità lo hanno interrogato e lo hanno minacciato di procedimento giudiziario. Un elenco di eventi che avrebbero caratterizzato letture di poesie, una notte di narrazione e un discorso sulla salute sessuale erano stati cancellati, ha detto.

Per coloro che devono ancora affrontare discriminazioni, ostruzioni e persino violenze, Helem è un’ancora di salvezza. “Vengo qui da un anno ormai. Sono solo e vengo qui per parlare con la gente “, dice Suzy, una transessuale di 41 anni con un occhio sinistro contuso seduta sul balcone dell’organizzazione. “Due settimane fa ero in discoteca. Due persone in sella a una moto si sono fermate e mi hanno dato un pugno negli occhi, mi hanno rubato la borsa, i soldi e il telefono. ”

Wael è entrato a far parte di Helem (che in arabo significa “sogno”) due anni e mezzo fa come volontario, prima di diventare uno dei soli tre impiegati retribuiti sette mesi fa. Si occupa principalmente di coloro che sono vittime dell’articolo 534, che criminalizza gli “atti sessuali innaturali”. Ma il suo lavoro non riguarda solo le crisi. Wael gestisce anche laboratori di trucco: “Alcune persone hanno appena scoperto la loro identità di genere e sono affascinati dall’uso del trucco per intensificarlo, come le donne trans”, dice.

Helem è stato creato come movimento clandestino quasi 20 anni fa, nonostante non abbia mai ricevuto la registrazione ufficiale. “Le autorità non hanno né respinto né approvato la richiesta”, ha detto Genwa Samhat, direttore esecutivo di Helem, “un gesto che significava “non ti rifiuteremo, ma renderemo il tuo lavoro davvero difficile che alla fine ti fermerai”. Ma al contrario abbiamo continuato a lavorare “.

Da allora la reputazione di Helem si è diffusa oltre il Libano in tutto il mondo arabo e sono state create diverse organizzazioni simili, tra cui l’ONG Shams in Tunisia, che lotta per la depenalizzazione dell’omosessualità. Afsaneh Rigot del gruppo britannico per i diritti umani Articolo 19 afferma che Helem è “un’oasi importante e necessaria per la comunità LGBTQ nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa” “un rifugio per alcuni dei più emarginati del Libano”.

Ma i progressi non sono stati semplici. Quando Samhat, 31 anni, si è unito quattro anni fa, l’organizzazione era quasi moribonda. Il suo arrivo è coinciso con un’incursione delle forze di sicurezza libanesi in un bagno locale, l’Hammam al-Agha, che ha provocato l’arresto di 36 persone.

“All’inizio è stata dura. Helem aveva perso il suo centro comunitario, i suoi uffici, tutti i suoi fondi. Aveva zero dollari in banca”, dice Samhat. “Sembrava impossibile recuperare, ma dopo il raid di Hammam Agha c’è stata una forte reazione”.

La maggior parte delle persone radunate nel raid sono state inviate al centro di detenzione di Hbeish, dove il lavoro successivo di Helem ha evidenziato torture. Questo maltrattamento fisico sembra ora essersi fermato. Oggi, almeno 17 persone sono detenute a Hbeish, per lo più persone transgender.

“Le persone trans devono affrontare la maggior parte delle discriminazioni”, ha detto Samhat. “Stavano principalmente arrestando donne trans che non avevano mai avuto l’opportunità di trovare un lavoro, che sono state cacciate dalle loro case di famiglia, restando senza fissa dimora per un lungo periodo di tempo, che hanno abbandonato la scuola perché vittime di bullismo. Crediamo nelle libertà personali e se le persone scelgono di essere prostitute, è un loro diritto e noi le difenderemo, ma dobbiamo renderci conto che molte persone lo fanno per ragioni di sopravvivenza”.

Naya, 21 anni, dirige il comitato di sette membri di Helem e dice che sta fungendo da ombrello per far sì che le persone come lei “si sentano più forti e ci permettano di fare cose che prima non potevamo fare – come offrire ormoni”. L’organizzazione fornisce anche un aiuto più essenziale. Oltre allo studio, ci sono posti per dormire, un bagno e una cucina con elettrodomestici di base – un frigorifero, una stufa a gas e una lavatrice.

La sua organizzazione gemella, la clinica di salute sessuale Marsa, fornisce test HIV gratuiti, e addebita $100 (£ 74) per uno screening completo, inclusi per la clamidia e la gonorrea. Quasi 260 persone visitano Marsa ogni mese – di cui due o tre in media risultano positivi all’HIV.

“Molte persone non cercano assistenza medica, perché non possono riferire ai medici [il loro orientamento sessuale]. Se sembrano effeminati, potrebbero essere umiliati, cacciati dall’ospedale “, dice Diana Abou Abbas, 36 anni, che gestisce Marsa. “Marsa è un posto sicuro, privo di giudizio e discriminazione, le persone possono parlare delle loro pratiche senza preoccuparsi che vengano giudicate”.

Di ritorno a Helem, Joseph Aoun, 33 anni, è impegnato a lavorare sulla campagna elettorale di Helem prima della Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOTB). Era il manager del Bardo, il più famoso bar gay di Beirut, prima di unirsi a Helem.

Quest’anno IDAHOTB coincide con il Ramadan, e Dana Darwish, una lesbica transgender, progetta di andare a Helem per l’iftar, il pasto serale che rompe il digiuno giornaliero durante il mese sacro.

“L’Islam è la religione della pace”, ha detto il 31enne. “Helem organizza l’iftar ogni settimana ed è una sensazione meravigliosa che quest’anno il Ramadan cada nello stesso giorno dell’IDAHOTB.”

Di Saeed Kamali Dehghan. Guardian (17/05/2018). Traduzione e sintesi dei Emanuela Barbieri. Saeed Kamali Dehghan è il corrispondente del Guardian in Iran. È stato nominato Giornalista dell’anno 2010 ai premi della Foreign Press Association.